HOME / MODALITA' DIAGNOSTICHE - ESAMI / DENSITOMETRIA DEXA / Tipologia esami

Tipologia esami

DENSITOMETRIA DEXA

• Densitometria ossea – lombare
• Densitometria ossea – femorale
• Densitometria ossea – periferica (avambraccio, mano)
• Densitometria ossea – protesi anca
• Morfometria vertebrale
• Misurazione Body Composition

 

Indicazioni

La densitometria ossea DEXA è usualmente utilizzata per diagnosticare l'osteoporosi, una condizione che colpisce spesso le donne dopo la menopausa, ma può anche presentarsi negli uomini e raramente nei bambini. L'osteoporosi comporta una graduale perdita di calcio e dei cambiamenti strutturali che rendono le ossa più fragili e più soggette a fratture.
La DEXA può anche valutare il rischio individuale per lo sviluppo di fratture. Il rischio di frattura è influenzato da età, peso corporeo, precedenti fratture, storia familiare di fratture da osteoporosi e stile di vita (fumo e alcol). Questi fattori sono presi in considerazione al momento di decidere se un paziente necessita di terapia.
La DEXA è anche efficace nel monitorare gli effetti del trattamento per l'osteoporosi e delle altre condizioni che causano perdita ossea.

La densitometria ossea di femore o colonna è fortemente consigliata:

  • nelle donne in post-menopausa che non assumono estrogeni;
  • nelle donne giovani con amenorrea secondaria;
  • in chi ha una storia personale o materna di frattura di anca o femore;
  • nelle donne in post-menopausa di altezza superiore a 175 cm o di peso inferiore a 55 kg;
  • negli uomini con condizioni cliniche associate a perdita ossea o terapie di blocco androgenico farmacologico (utilizzate per il trattamento dei tumori prostatici);
  • in chi utilizza farmaci che causano perdita di massa ossea: es. corticosteroidi, anticoagulanti, farmaci anti-epilettici, alcuni barbiturici o alte dosi di terapia sostitutiva con ormoni tiroidei;
  • nei soggetti con diabete di tipo 1 (giovanile o insulino-dipendente), malattie epatiche, malattie renali o con storia familiare di osteoporosi;
  • nei casi di ipertiroidismo o di iperparatiroidismo;
  • nelle sindromi che comportano malassorbimento intestinale;
  • in chi ha subito una frattura dopo un trauma lieve;
  • nei soggetti con evidenza radiologica di frattura vertebrale o altri segni di osteoporosi.

 

La morfometria vertebrale ultra-low dose della colonna vertebrale per lo screening per le fratture vertebrali può essere raccomandata per i pazienti più anziani che hanno un inspiegabile dolore dorso-lombare oppure se un esame DEXA dà valori di normalità borderline.