HOME / MODALITA' DIAGNOSTICHE - ESAMI / DENSITOMETRIA DEXA / Vantaggi, Limitazioni e Rischi

Vantaggi

La densitometria ossea DEXA è una procedura semplice, rapida e non invasiva.
La quantità di radiazione usata è estremamente piccola, corrispondente a meno di un giorno di esposizione alla quotidiana radiazione naturale.
Può essere utilizzata anche nei bambini e negli adolescenti, per valutare la crescita ossea, lo sbilanciamento muscolo-osso nel deficit dell’ormone della crescita o nei disordini metabolici.
La misura della densità ossea con la tecnologia DEXA è il metodo più accurato per la diagnosi di osteoporosi e per la stima del rischio di frattura.
Nessuna radiazione rimane nel corpo di un paziente dopo un esame DEXA.

 

Limitazioni

Un esame DEXA non può prevedere chi subirà una frattura, ma è in grado di fornire indicazioni sul rischio relativo.
Nonostante la sua efficacia come metodo di misurazione della densità ossea, la DEXA è di uso limitato in persone con una deformità della colonna vertebrale o nei soggetti in precedenza sottoposti a chirurgia spinale. La presenza di fratture vertebrali da compressione o artrosi può interferire con la precisione dell’esame. 

 

Rischi

L’esame prevede l’utilizzo di radiazioni ionizzanti, ma in considerazione delle dosi estremamente basse il rischio statistico oncologico potenziale non è significativo e il beneficio di una diagnosi accurata è di gran lunga superiore al rischio.


Le donne devono comunque sempre informare il Medico della possibilità di essere in gravidanza.
Non è prevista nessuna complicanza correlata all’esame DEXA.