HOME / MODALITA' DIAGNOSTICHE - ESAMI / ECOGRAFIA / Come si esegue

Come si esegue

L'esame ecografico non è doloroso né fastidioso.


Per la maggior parte degli esami ecografici, sarete disposti supini su un lettino. Il medico vi applicherà un gel a base di acqua a temperatura ambiente sulla parte del corpo interessata, questo consentirà un contatto efficace tra la sonda ecografica e la pelle: infatti, solo eliminando il vuoto d’aria, le immagini all’ecografo risultano chiare ed esaminabili. Il gel non macchia né rovina i tessuti.
La sonda viene posizionata sulla pelle dal Medico Radiologo che, seguendo dei precisi protocolli, esplora gli organi in tutte le direzioni per ottenere la visualizzazione multiplanare; le immagini ecografiche vengono valutate all’istante per identificare eventuali alterazioni.
Il paziente non sperimenta generalmente alcun fastidio quando la sonda viene mossa sull’area esaminata, tuttavia, se si esaminano aree delicate (ad esempio, nel caso dell’ecografia transrettale), è possibile sentire una certa pressione o sperimentare un leggero fastidio o un dolore passeggero.

Durante l’esame ecografico il medico può utilizzare la metodica Doppler per valutare l’eventuale presenza o assenza di flusso di sangue nei vasi o in particolari alterazioni rilevate.
Di particolare interesse per la tipizzazione dei noduli degli organi superficiali è l’integrazione dell’ecografia con l’elastografia, metodica di recente introduzione in grado di differenziare con elevata accuratezza i noduli elastici, usualmente benigni, dai noduli non elastici, che necessitano di ulteriori approfondimenti diagnostici.


In alcuni casi l’ecografica basale viene integrata dall’ecografia con mezzo di contrasto (conosciuta anche come CEUS) che permette la visualizzazione del microcircolo dei parenchimi o di eventuali noduli. Il mezzo di contrasto è costituito da una soluzione in cui sono presenti microbolle rilevabili agli ultrasuoni; queste microbolle una volta iniettate nel circolo ematico hanno una esclusiva localizzazione intravascolare e simulano i globuli rossi. La metodica si caratterizza inoltre per la sostanziale assenza di effetti dannosi sull’organismo.